Egittologia, filologia egizia - Storia militare, oplologia, polemologia - Criminalistica

Mese: Novembre 2019

Le città indifese

Le capitali europee agli albori della criminalistica


Ho svolto la prima lezione del Corso di Criminalistica, Anno I, “Sulle tracce dell’assassino” nell’ambito delle attività dell’UniTre di Fossano.
La conferenza ha come titolo “Le città indifeseLe capitali europee agli albori della criminalistica” e spiega qual era la situazione relativa all’ordine pubblico delle città europee all’inizio del XIX secolo.

Effetti di balistica lesionale

Ho svolto la seconda lezione del Corso di Criminalistica, Anno III, “Sulle tracce dell’assassino” nell’ambito delle attività dell’UniTre di Rivoli.
La conferenza ha come titolo “Effetti di balistica lesionale” e dettaglia quali sono gli eventi che intercorrono su un biologico quando viene attinto da una palla sparata da armi lunghe o corte.

Il papiro 3027 di Berlino

Magie per la salute dei bimbi

Nell’ambito delle attività del XIV Laboratorio di Filologia Egizia che sto svolgendo a Cuneo, abbiamo iniziato la traduzione del secondo lavoro in programma.
Si tratta di trasporre le iscrizioni ieratiche che sono state scritte su un documento magico oggi conosciuto come il papiro 3027 di Berlino.

I geroglifici di Tutankhamon

Traduzione (in diretta) della KV62

Ho svolto la conferenza “I geroglifici di Tutankhamon – Traduzione (in diretta) della KV62” nell’ambito delle attività di Egittologia, Anno VII presso l’UniTre di Torino.

La lezione è, indubbiamente, un approccio molto originale all’Egittologia. Normalmente le conferenze egittologiche sono monopolizzate dalle narrazioni di tombe e templi finendo per costituire un tutt’uno monotono e ripetitivo. Tutankhamon, poi, è sicuramente cucinato e condito in così tante salse da non essere neppure più un argomento stucchevole. In controtendenza la lezione presenta la tomba KV62, non descrivendone le pareti, ma leggendole.

Nel nome di Imhotep

Lo straordinario fascino della scrittura geroglifica

Ho svolto in serata una lezione di Egittologia su invito della Biblioteca di Moretta. La conferenza ha come titolo “Nel nome di Imhotep. Lo straordinario fascino della scrittura geroglifica.” e documenta in due parti principali l’originalissima scrittura dell’antico Egitto.
Nella prima parte la lezione ripercorre il periodo che intercorre dall’incisione dell’ultima grafia templare in geroglifico del 394 d.C. nel tempio di File al momento della sua decifrazione da parte di Champollion nel 1822.

I geroglifici di Tutankhamon

Traduzione (in diretta) della KV62

Ho svolto la conferenza “I geroglifici di Tutankhamon – Traduzione (in diretta) della KV62” nell’ambito delle attività di Egittologia, Anno VII presso l’UniTre di Fossano.

La lezione è, indubbiamente, un approccio molto originale all’Egittologia. Normalmente le conferenze egittologiche sono monopolizzate dalle narrazioni di tombe e templi finendo per costituire un tutt’uno monotono e ripetitivo. Tutankhamon, poi, è sicuramente cucinato e condito in così tante salse da non essere neppure più un argomento stucchevole. In controtendenza la lezione presenta la tomba KV62, non descrivendone le pareti, ma leggendole.

Qadesh

Una battaglia per due vincitori

Ho svolto la prima lezione “QADESH: una battaglia per due vincitori.” nell’ambito delle attività di Egittologia, Anno II, presso l’UniTre di Torino.
Si tratta di uno degli eventi bellici dell’antichità tra i più conosciuti. Infatti lo troviamo documentato su cinque templi con tanto di rilievi figurati ed epigrafi didascaliche.

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén