Egittologia, filologia egizia - Storia militare, oplologia, polemologia - Criminalistica

Mese: Gennaio 2019

Nel nome di Imhotep

Lo straordinario fascino della scrittura geroglifica

Ho svolto la quarta lezione del Corso di Archeologia, anno II, come ospite della D.ssa Silvana Cincotti presso l’UniTre di San Mauro Torinese presentando la conferenza “Nel nome di Imhotep – Lo straordinario fascino della scrittura geroglifica” che documenta in due parti principali l’originalissima scrittura dell’antico Egitto.
Nella prima parte la lezione ripercorre il periodo che intercorre dall’incisione dell’ultima grafia templare in geroglifico del 394 d.C. nel tempio di File al momento della sua decifrazione da parte di Champollion nel 1822.

Amarna – L’Orizzonte del Sole (I parte)

Akhet-Aton: il quartiere palatino

Abbiamo svolto la sesta lezione del CORSO DI EGITTOLOGIA, Anno I, nell’ambito delle attività dell’UniTre di Torino. La conferenza ha come titolo “AMARNA – L’orizzonte del sole” ed è uno studio molto dettagliato del sito archeologico sul quale era edificata la capitale dell’Egitto fondata da Amenhotep IV – Akhenaton.
Proprio perché si tratta di uno dei faraoni più discussi della civiltà egizia diventa importante analizzare la topografia della sua città. Volendo fare una ricerca approfondita e non un semplice sorvolo, diventa necessario suddividere il sito in più lezioni. Pertanto la prima conferenza analizzerà il quartiere centrale palatino, la seconda esaminerà tutto il resto della città metropolitana mentre la terza ed ultima lezione discuterà dell’hinterland della città perché il suo territorio permette di inquadrare meglio la storia della capitale di Akhenaton e Nefertiti.

Il Protocollo Reale

Composizione della nomenclatura faraonica

Abbiamo svolto la prima lezione del CORSO DI EGITTOLOGIA, Anno VI, nell’ambito delle attività dell’UniTre di Fossano. La conferenza ha come titolo “IL PROTOCOLLO REALE – Composizione della nomenclatura dei faraoni” e descrive l’origine storica, lo sviluppo e il significato dei nomi con i quali i faraoni salivano sul trono dell’Egitto. Quando nasceva in qualità di principe, la coppia reale assegnava al bambino un nome che gli rimaneva per sempre legato. Al momento della sua salita al trono, in accordo con il clero a cui si alleava, il faraone compilava altri quattro nomi che, letti ed interpretati in modo corretto, identificano il programma politico del nuovo sovrano.

Confini di pietra (I parte)

Fortificazioni dell’Antico Regno
Il fronte SUD (I parte)

Abbiamo svolto la quinta lezione del CORSO DI EGITTOLOGIA, Anno I, nell’ambito delle attività dell’UniTre di Torino. La conferenza ha come titolo “CONFINI DI PIETRA – Le fortificazioni dell’antico Egitto” ed illustra un argomento poco evidenziato nelle divulgazioni a qualunque titolo di Egittologia. Essendo appassionato sia di quest’ultima che di oplologia e polemologia, per me è stato stimolante unire tutte tre le discipline che mi interessano maggiormente.
L’argomento è stato inizialmente sviluppato e poi esposto all’UniTre di Fossano qualche tempo fa e devo ammettere che ci è voluto un certo impegno sia in termini di tempo che di ricerca dei materiali. Alla fine mi è stata di notevole aiuto la biblioteca dell’Università Paul Valery di Montpellier dove ho trovato dei testi che mi hanno permesso di farmi un quadro molto preciso sulla tematica.

Genetica e DNA (I parte)

La genetica in tribunale

Abbiamo svolto la terza lezione del CORSO DI CRIMINALISTICA, Anno II, “Sulle tracce dell’assassino” nell’ambito delle attività dell’UniTre di Rivoli.
La conferenza ha come titolo “DNA – La genetica in tribunale” e tratta dell’uso delle scoperte scientifiche genetiche applicate in ambito investigativo e quindi processuale.
Dal punto di vista qualitativo è indubbiamente un notevole progresso per quanto riguarda la soluzione di casi criminali che fino a qualche tempo prima non erano risolvibili perché mancanti di prove dirette come le testimonianze oculari oppure rilievi specifici come le impronte digitali del colpevole.

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén